Skip Navigation LinksHome > Editoriale Categoria > Editoriale Articolo

Chat di classe

Vi hanno inserito in una chat di classe: e adesso?

Non tutto (il vostro tempo) è perduto. Con qualche dritta riuscirete a gestire la situazione. Scoprite la nostra mini guida per sopravvivere serenamente alle notifiche.

La chat di classe, in sé, è uno strumento molto utile per comunicare tra genitori. I bimbi che frequentano una stessa classe, infatti, hanno esigenze, orari e impegni comuni ed è comodo avere un momento di confronto e di reciproco aiuto. Purtroppo, però, a qualche mamma o papà, ogni tanto, può sfuggire di mano la situazione. E l’innocua chat si trasforma in una gigantesca perdita di tempo. Come fare per sfruttare al meglio i vantaggi della chat di classe senza dedicarle intere giornate? Con la nostra guida la temibile chat non è più un problema.


No ai commenti.

Come affrontare il ritorno a scuola senza farsi travolgere, dunque, dalla fantomatica chat di classe? Per prima cosa: evitate di leggere tutti i “commenti” o di farne voi stessi. Entriamo nel merito della faccenda: un fatto è un fatto, giusto? Ad esempio: “L’appuntamento davanti a scuola per la gita è alle 8!” Ricamarci su, in una chat, può diventare deleterio. No dunque (il più possibile) a frasi del tipo: “Grazie della preziosa e imprescindibile informazione”. Non temete, infatti, di risultare maleducati. C’è spazio dal vivo o nel tempo libero per scambiarsi convenevoli e gentilezze. Meglio che la chat rimanga simile a una bacheca delle info.

No al dibattito.

Certe volte le chat di classe si trasformano in un vero e proprio dibattito a più voci. Statene alla larga. I temi importanti della vita, infatti, si possono trattare in un’altra sede e con calma. Bando ai link di approfondimento chilometrici, alle citazioni fiume, agli sfoghi in eccesso. Va bene dire la propria, ma in modo sintetico. Un altro no categorico è al gossip. Evitate di trasformare la chat di classe in una rivista di pettegolezzi o di scoop che poco hanno a che fare con grembiulini, penne e matite.

A mali estremi...

…estremi rimedi: se proprio non riuscite a stare dietro a tutte le notifiche che vi arrivano a getto continuo, silenziate la chat. Ebbene sì, anche se leggete la chat la sera dopo cena anziché in tempo reale non succede niente. Sviluppate il fiuto per le informazioni veramente importanti. Di solito rispondono alle domande “dove?” e “a che ora?”. Per tutto il resto, scorrete rapidamente senza lasciarvi coinvolgere emotivamente da tutti gli sfoghi di genitori troppo ansiosi. Voi e i vostri bimbi avete bisogno di serenità e routine famigliare. Staccate la spina e cercate dei bei libri da leggere insieme.

E voi come gestite la chat di classe?

Fateci conoscere le vostre strategie di sopravvivenza sulla pagina Facebook di Bennet.

Promozioni

DA BENNET: SCONTO 40% 50% 30%

DA BENNET: REGALI CHE SORPRENDONO

DA BENNET: I TUOI ADDOBBI

DA BENNET: SPECIALE GIOCATTOLI