Skip Navigation LinksHome > Editoriale Categoria > Editoriale Articolo

Immersioni nella Natura: il birdwatching

Tra le molte attività che si possono praticare all’aria aperta, senza dubbio il birdwatching è tra le più originali. Letteralmente, questo hobby nato negli Stati Uniti prevede l’osservazione degli uccelli liberi in Natura attraverso un binocolo. Alla semplice esplorazione, poi, si aggiungono alcune caratteristiche collaterali come il riconoscimento dei loro canti, l’assistere alle migrazioni, il prendere nota della specie in base ai piumaggi e ai comportamenti. Se vi incuriosisce l’idea e volete saperne di più, questa è la mini guida che fa per voi.

L’autunno è il periodo delle novità, soprattutto per chi è in cerca di stimoli sempre diversi ed è dotato di una spiccata curiosità verso il mondo circostante. Se sentite di rientrare in questa categoria di persone, senz’altro il birdwatching è l’attività in cui cimentarvi in questo periodo. Grazie alla nostra mini guida, scoprirete come praticarlo e quali sono le sue caratteristiche. Buona lettura!


Quando iniziare il birdwatching?

Ora siete ormai convinti e avete chiamato a raccolta anche i vostri amici e le persone a voi più care: tutti pronti a cominciare l’avventura. Ma quando è davvero il momento giusto? Esiste una stagione ideale per iniziare a praticare il birdwatching? Sì e no. Non esiste infatti una stagione specifica per questo tipo di esperienza. Potreste allora cominciare domani stesso, in una bella giornata autunnale (è importante, infatti, che ci sia il sole). In autunno, inoltre, gli uccelli sono particolarmente attivi perché devono procurarsi il cibo in vista dell’inverno e alcuni si apprestano proprio a migrare. Li vedrete dunque impegnati al massimo. E per quanto riguarda gli orari, vanno bene sia il mattino che il pomeriggio.

Dove andare?

Il birdwatching è speciale perché si può praticare ovunque. Boschi e siti naturalistici sono certamente da preferire e vi regaleranno bellissimi incontri con le diverse specie alate che li popolano. Si può praticare a qualsiasi altitudine: dal mare alla campagna, dalla montagna al lago. Esistono anche diverse oasi dedicate proprio a questa attività che potrete cercare online o grazie a una guida cartacea. L’ideale è partire con gradualità e lasciarvi incantare dalle scoperte man mano che diventate esperti.

Abbigliamento e attrezzatura.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, scegliete abiti comodi e dai colori non troppo sgargianti così da potervi mimetizzare un po’. Può essere utile anche avere con voi un telo che vi faccia da capanna e punto di osservazione. Vi servirà anche un buon binocolo e una macchina fotografica nel caso voleste immortalare i volatili e conservare gli scatti per ricordo. Se volete un binocolo di vera qualità, potete scegliere un modello Bushnell ad elevata potenza di ingrandimento, ideale per le osservazioni da lunghe distanze. Un ottimo binocolo Bushnell è vostro gratis con 9.000 punti della Raccolta Bennet Club oppure con 5.000 punti + € 40,00. Procuratevi infine una guida di riconoscimento delle specie. E ora non vi resta che partire allo scoperta delle meraviglie alate della Natura!

E voi, avete mai pensato di praticare il birdwatching?
Illustrateci le vostre osservazioni delle più belle specie alate sulla pagina Facebook di Bennet.

Promozioni

DA BENNET: LA TAVOLA IMBANDITA

DA BENNET: UN NATALE STRAORDINARIO

DA BENNET: REGALI SOTTO L'ALBERO

DA BENNET: ADDOBBI NATALIZI

DA BENNET: SPECIALE GIOCATTOLI