Ritiro: 10:00 di oggi Primo ritiro dalle: 10:00 di oggi
Punto Vendita
Montano Lucino

Fasce Disponibili
Carrello
Il tuo Carrello
Pezzi   0
Calcola Scontrino
Totale 
Vedi prodotti
Primo ritiro disponibile: oggi alle 10:00
Procedi all'acquisto
Svuota carrello Salva il carrello in Lista
Il tuo Punto Vendita Bennet
Il tuo Punto Vendita Bennet
Montano Lucino (CO)
Aperto oggi dalle 08:30 alle 20:30
Primo ritiro disponibile: oggi alle 10:00
È ARRIVATO IL CATALOGO BENNET CLUB 2024! TANTI PREMI TI ASPETTANO, SCOPRILI NEL METAVERSO BENNET!
Con gli amici

I tipi di whisky e le loro caratteristiche

5 minuti di lettura
I tipi di whisky e le loro caratteristiche I tipi di whisky e le loro caratteristiche
Salva
Download

Il whisky non è solo una bevanda alcolica affascinante e complessa, ma una vera e propria espressione culturale che varia enormemente in base alla regione di produzione. Scopriamo insieme i principali tipi di whisky esistenti, illustrandone le caratteristiche.

 


Cos’è il whisky e dove è nato

Il whisky è un distillato ottenuto dalla fermentazione di cereali. Le sue origini possono essere fatte risalire ad antiche tecniche di distillazione, ma è in Scozia e Irlanda che troviamo le prime vere tracce di produzione di questa bevanda alcolica, attorno al XV secolo. Inizialmente utilizzato per medicinali, il whisky ha cominciato a diffondersi rapidamente, arrivando nelle Americhe e diffondendosi poi in altre parti del mondo. Con l'industrializzazione, la produzione di whisky è stata perfezionata, portando alla nascita di diversi stili, a seconda delle materie prime disponibili e delle preferenze locali, che hanno influenzato profondamente le caratteristiche organolettiche dei diversi tipi di whisky.


Con cosa è fatto il whisky?

Il whisky si ottiene dalla fermentazione di cereali quali orzo, mais, segale e frumento. Il processo inizia con la macinazione dei cereali, seguita dalla loro miscelazione con acqua per formare un mosto. Questo mosto viene poi fermentato con l'aggiunta di lievito, che trasforma gli zuccheri in alcol. La distillazione segue, con l'alcol che viene vaporizzato e poi ricondensato in un liquido più puro e forte. Il passaggio finale, e cruciale per il sapore finale del whisky, è l'invecchiamento in botti di legno, tipicamente di quercia, che conferisce al whisky colori, aromi e sapori complessi e stratificati.

Le tipologie di whisky più diffuse

La classificazione del whisky si basa principalmente su due elementi: la zona geografica di produzione e il metodo di distillazione. Altri fattori, come l'invecchiamento, il tipo di botte utilizzata per la maturazione e il cereale impiegato, contribuiscono ulteriormente alla diversificazione delle tipologie di whisky. Alcuni paesi hanno regolamentazioni rigide che definiscono cosa può o non può essere chiamato whisky, in base a specifici criteri. Scopriamo, quindi, quali sono i tipi di whisky più diffusi e apprezzati.

 

Lo Scotch Whisky

Prodotto esclusivamente in Scozia, lo Scotch Whisky è forse il più celebre al mondo. I diversi metodi di produzione praticati nelle varie regioni scozzesi influiscono molto sul profilo aromatico e gustativo dei vari whisky. Regioni come Islay, ad esempio, sono famose per i loro whisky pesantemente torbati, mentre la regione di Speyside è rinomata per i suoi distillati più dolci e fruttati. Ad ogni modo, generalmente il whisky scozzese viene fatto invecchiate in botte per tre anni ed esistono varie tipologie:

  • Single Malt: prodotto esclusivamente da orzo maltato in una singola distilleria, è rinomato per il suo profilo di sapore distinto e complesso.

  • Single Grain: nonostante il nome, può includere altri cereali oltre all'orzo, ma viene prodotto in una sola distilleria, offrendo spesso un gusto più leggero e delicato rispetto al Single Malt.

  • Blended Malt: è una miscela di diversi Single Malts provenienti da più di una distilleria, di ciascuno dei quali combina le qualità uniche per creare un whisky armonioso e bilanciato.

  • Blended Grain: è simile al Blended Malt, ma utilizza Single Grains da diverse distillerie, risultando un whisky generalmente più morbido e con meno caratteristiche di torba.

  • Blended Scotch Whisky: combina sia Single Malt che Single Grain whisky da diverse distillerie, creando un prodotto versatile e complesso, ideale per un vasto pubblico.
     

L'Irish Whisky
 

Conosciuto per la sua distillazione tripla, che gli conferisce una caratteristica morbidezza, e per il suo gusto fruttato, l'Irish Whisky offre un profilo gustativo più accessibile, con note spiccate di mela verde e vaniglia, spesso arricchite dall'invecchiamento in botti che hanno precedentemente ospitato sherry o bourbon. Queste sono le principali tipologie del whisky irlandese:

  • Single Malt Irish Whisky: distillato interamente da orzo maltato in una singola distilleria in Irlanda, questo whisky si distingue per il suo gusto ricco e rotondo.

  • Single Pot Still Irish Whisky: caratterizzato da una combinazione unica di orzo maltato e non maltato distillato in un alambicco tradizionale, offre un profilo aromatico complesso e speziato.

  • Blended Irish Whisky: è una miscela di diversi whisky irlandesi, tipicamente combinando Single Malt e Single Grain, che risulta in un liquore morbido e altamente accessibile.


L'European Whisky

Paesi come la Svezia, la Francia e la Germania hanno intrapreso la produzione di whisky relativamente di recente, ma con grande spirito d’innovazione. Utilizzando varietà locali di cereali e sperimentando diversi tipi di invecchiamento, i distillatori europei stanno creando whisky con caratteristiche uniche. Ad esempio, in Svezia, il clima freddo influisce sulla maturazione del whisky, conferendo sapori più concentrati e complessi.

L'American Whisky

Negli Stati Uniti esistono diversi tipi di whisky molto noti in tutto il mondo. I principali sono:

  • Bourbon Whiskey: distillato da una miscela che deve contenere almeno il 51% di mais e invecchiato in botti di quercia nuove, il Bourbon è noto per i suoi ricchi sapori di vaniglia e caramello.

  • Straight Bourbon: è un tipo di Bourbon che deve essere invecchiato per almeno due anni senza l'aggiunta di additivi, offrendo un profilo di sapore più puro e intenso.

  • Rye Whiskey: Realizzato con una miscela che contiene almeno il 51% di segale, il Rye whiskey si distingue per il suo gusto più speziato e vigoroso rispetto al Bourbon.

  • Tennessee Whiskey: è simile al Bourbon ma viene sottoposto a un ulteriore processo di filtrazione, noto come "Lincoln County Process", che utilizza carbone di legno d'acero, producendo un whisky eccezionalmente liscio.

Il Japanese Whisky

Influenzato dalle tecniche scozzesi ma distintamente unico nel suo stile, il whisky giapponese ha guadagnato una reputazione internazionale per la sua qualità e raffinatezza. Marcato da un'attenzione meticolosa ai dettagli e all'equilibrio, il Japanese whisky spesso incorpora l'uso di acqua pura e tecniche di invecchiamento innovative, caratteristiche che hanno permesso a questi prodotti di emergere nel mercato globale.

 

L'Australasian Whisky

In Australia e Nuova Zelanda, la produzione di whisky è un’industria in rapida crescita. Le numerose distillerie utilizzano ingredienti locali, come orzo e cereali autoctoni, innovative tecniche di distillazione e diverse tecniche di invecchiamento che, anche grazie alla varietà del clima di queste regioni, consente di ottenere diversi gradi di maturazione. Queste caratteristiche conferiscono ai whisky prodotti in queste zone aromi unici e audaci, che possono variare da dolci e fruttati a ricchi e torbati, riflettendo la diversità e la ricchezza delle loro terre di origine.

La Giornata Mondiale del Whisky

Il terzo sabato di maggio ogni anno viene celebrata la Giornata Mondiale del Whisky, istituita in Scozia e dedicata a tutti gli appassionati di questa bevanda. L’evento è un'occasione per raccontare le origini e l’evoluzione del whisky e per scoprire nuove varietà. In questa giornata, in molti dei Paesi produttori di whisky vengono organizzati eventi speciali e degustazioni, all’insegna della tradizione di cui questa bevanda è simbolo. Come abbiamo visto, infatti, ogni bottiglia di whisky racconta una storia legata alla cultura delle varie regioni da cui proviene, offrendo una vasta gamma di esperienze sensoriali.

Scopri anche i tipi di birra e le loro caratteristiche.

Bennet ti consiglia Bennet ti consiglia
author-background Bennet ti consiglia

Scopri di più
loader-gif